ush.it - a beautiful place

Poste Italiane privatizza i CAP, la FSFE li libera

November 15, 2006 at 5:03 pm - Filed under Reports, Language IT - 330 words, reading time ~1 minutes - Permalink - Comments

Fino a qualche giorno fa, Poste Italiane SPA e il Ministero delle Comunicazioni forniva sui rispettivi siti web l'elenco dei CAP delle localita' italiane gratuitamente e in formato universalmente accessibile.

Dal 20 settembre 2006, in concomitanza con una riorganizzazione dell'elenco dei CAP, Poste Italiane ha modificato la sua politica: dal suo sito rende possibile la ricerca di singoli CAP, ma non consente piu' l'accesso all'elenco completo. Oltre a questo c'era un report che diceva che era possibile accedere alla cartella /usr/doc, indovinate, scomparso anche dal sito del Ministero delle Comunicazioni. Chi volesse ottenerlo, e' costretto ad acquistare un programma proprietario, funzionante solo su piattaforma Windows.

L'accesso a dei dati pubblici, come i CAP, viene quindi pesantemente limitato, sia nei confronti dei cittadini interessati, sia nei confronti degli sviluppatori di software che devono utilizzare l'elenco dei CAP.

La FSFE ritiene che i dati pubblici debbano essere universalmente accessibili senza alcuna discriminazione, quindi mette a disposizione del pubblico un file con l'elenco dei CAP (script SQL), recuperati in modo perfettamente lecito dal sito di Poste Italiane grazie al contributo di Cristiano Boncompagni, Ivan Sergio Borgonovo, Roberto Vichi.

Questa semplice one liner vi permette di convertire la versione SQL in CSV (Comma Separated Value) per successivi import, speriamo sia utile :D

curl http://www.italy.fsfeurope.org/it/projects/cap/trovacap.sql.gz | \
gzip -d | grep "^INSERT" | sed "s/INSERT INTO tab_cap VALUES(NULL, '//g" | \
sed "s/');//g" | sed "s/', '/,/g" | sed "s/''/'/g" > trovacap.txt

Per cercare un singolo cap con grep:

grep ",70128" trovacap.txt

Approfondisci: Free Software Foundation Europe

Reed's Alert! Got something burning? Tell USH team.
THP USH Wisec DigitalBullets